mercoledì 25 febbraio 2015

MICOL BRUSAFERRO in: SELFIE CON ROCCO GATTO



Bondi’, mularia mata

Un altro dei miei fugaci passaggi a scopo “pupolo mordi e fiuggi”.
Pupolo dedicato a una simpatica giornalista, micol brusaferro, e al suo gatto... (?!!)







p.s.: noi comunque ci ribecchiamo presto, per un altro post a tema trieste “patoca”.

Quindi, alla prossima!!


     Rene’



giovedì 19 febbraio 2015

FINANZIERE - LORENZO PILAT E I VALICHI DI CONFINE ITALIA-JUGOSLAVIA




Bondì, mularia mata

Oggi parliamo di “FINANZIERE” (o anche “EL FINANZIER”), che è forse la canzone folkloristica più famosa di Lorenzo Pilat, composta da lui stesso, assieme a Toni Damiani, nell'ormai lontano 1978.

P.s.: per raccontare al meglio questo post, con i miei oramai consueti pupoli (disegni) illustrerò alcuni passaggi del testo della canzone. I pupoli sono in stile “Disneyan-patoco”, cioè una parodia dei personaggi Disney, triestinizzati per l’occasione.
Come sempre, per visualizzare meglio i pupoli basta cliccarci sopra!


Dunque, FINANZIERE. Canzone entrata sin da subito nel folklore tipico triestino, poiché è un’ultimissima e praticamente fotografica testimonianza sulle sette note, di un modus vivendi ormai scomparso.

El finanzier descritto dalla canzone, lo si poteva incontrare nei piccoli valichi di confine tra Italia ed ex Jugoslavia posti alle periferie triestine (venivano comunemente denominati come “valichi di II° categoria”), come pure in quelli più grandi (“valichi di I° categoria”).
Nel nostro caso, si parla del valico di II° categoria di Caresana (Trieste).


Oltre al finanziere, vi sono gli altri protagonisti di questo celeberrimo brano; Vinicio Busani, il pensionato benestante alla guida di una Fiat 1100 nera (fino agli anni ’60-’70, un’auto ‘ssai elegante). Poi, a bordo della stessa auto, troviamo anche la mama della voce narrante della canzone, e siora Teresa, conoscente degli altri due.

 
Agli automobilisti di ritorno a Trieste, il finanziere, posto di guardia al casello con la sbarra, poneva quasi sempre la classicissima domanda: “qualcosa da dichiarare?”.. L’automobilista rispondeva “no, niente”, esibendo il proprio lasciapassare la famosa
Propusniza, che veniva poi controllata e timbrata dagli addetti alla dogana.



Fino ad una ventina d'anni fa, quando c'era ancora la cosiddetta cortina di ferro, era d'uso per i triestini andare a far la spesa spicciola oltreconfine, comprare le sigarette e/o
andar a far benzina in Jugo”.


Ogni tanto (spesso e volentieri) capitava il triestino che tentava de passarla lissa, portando merce di contrabbando ben nascosta nel bagagliaio o in vari vani della propria automobile. Tale merce era soprattutto composta da carne e alimenti vari di buona fattura, talvolta nascosti persino dentro i vestiti delle mogli o delle suocere (perché si pensava sempre: “mica andranno a controllare proprio lì).
 

In casi più rari, la merce contrabbandata era anche più pesantina; difatti, la canzone ci dice che Vinicio Busani, il pensionato benestante, viene scoperto mentre tenta di nascondere della marijuana, assieme alla carne e a tutto il resto.



Il tutto, ovviamente, si conclude con la notizia dell’arresto del pensionato che, nel frattempo, a causa di uno svenimento dovuto al panico della situazione, viene pure ricoverato all’ospedale. 




Il posto di blocco del confine, dicevo, tra Italia e la ex Jugoslavia (oggi Slovenia)...


 



Un'antica barriera, oggi non più esistente e resa eterna, oltre che dai ricordi di chi c'era, da questa mitica canzone (cantata da tutte le generazioni di triestini in occasione di feste conviviali, di sagre o di uscite in osmiza). Canzone mitica e sempreverde del cantautore triestino più amato da sempre, che ha saputo fissare molti storici momenti della sua/nostra città in una bella cartolina. Un mito cittadino egli stesso: Lorenzo Pilat!


Anche la figura stessa del finanziere, in tale canzone viene filtrata attraverso una luce assolutamente buona e simpatica, che esula da quell'immagine severa ed impassibile data da questa professione.
(Nella foto sottostante, due guardie confinarie poste ad uno dei valichi di frontiera. Foto risalente agli anni ’50, e proveniente dal sito www.poliziadistato.it):



 Qui sotto, il testo di FINANZIERE tratto dalla copertina interna del 45 giri omonimo del 1978 (il lato B è la bellissima GIOVEDI’ ):




Qui sotto, invece, trovate i semplicissimi accordi e le note per chitarra, trascritti a mano dallo stesso Pilat:




Ovviamente non può mancare il video slide audio della canzone FINANZIERE, qui proposta in versione originale:



Ma posto pure una recente versione live, tratta dall’ormai tradizionale sagra di Campanelle (che no xe Costalunga):



Alla prossima!!!!

       René

martedì 10 febbraio 2015

LA BORA DE TRIESTE



Bondì, mularia mata…

Un mio pupolo ispirato alle note cartoline triestine sulla “Bora”, questo nostro vento impetuoso di nord-est, che noi amiamo tanto…

… ecco, per l’appunto, il motivo per il quale ai triestini (soprattutto a noi maschietti) piace la bora… ehm…. Voio dir…



Alla prossima, e bona bora a tute e a tuti !!!! =)

    René