mercoledì 9 novembre 2011

RISCOPRIAMO DAMIANO VITALE, GRANDE CANTAUTORE TRIESTINO!

Bondì, mularia mata...

Oggi vi voglio parlare un po' di Damiano Vitale, riscoprendolo assieme a voi.


Damiano, è un apprezzatissimo cantautore triestino, attivo soprattutto fra gli anni '70 ed '80.
Nato il 6 gennaio del 1940, in via della Maiolica, sin da giovane inizia a guadagnarsi qualche soldino nel vicino mercato coperto, aiutando le venderigole.
Nel 1950, a soli dieci anni, Vitale s'avvicina per la prima volta alla musica allorquando sua madre, Lidia, inizia ad insegnare i primi accordi di chitarra al figlio. Poco tempo dopo, suo padre lo mette sotto la guida di due maestri di pianoforte triestini; Ienco prima, e Conte poi. Ma, dopo un paio di lezioni, Vitale abbandona i corsi di pianoforte per i costi non più sostenibili dalla famiglia (oltre a Damiano, i genitori devono pensare ad altri quattro figli). Damiano, però, continua ad imparare la musica (che oramai gli è entrata nel cuore) da autodidatta.
Successivamente, per il giovane Vitale inizia la gavetta al cinema-teatro "Armonia". I suoi maestri sono i famosi comici fantasisti Carlo Carli e Roberto De Rosé, meglio noti allora come il duo "Sinalco & Calcagno".
Intanto, Damiano Vitale svolge diversi mestieri, pur continuando a coltivare la sua passione musicale. Diviene commesso nel negozio d'abbigliamento "Zanolin", in via Ponchielli. In seguito viene assunto come dipendente del Lloyd Adriatico di assicurazioni.
Negli anni '70, Damiano Vitale "esplode" a Trieste, iniziando ad acquisire fra i triestini notevole fama. Arriva a compiere una tournée in Australia, dove inizia pure il suo lungo e fortunatissimo sodalizio artistico con la cantante triestina Maria Rutigliano.


Negli anni '70 ed '80, Damiano Vitale compone tantissimi pezzi che resteranno nel folklore giuliano. Pezzi noti ancor oggi, come "Trieste in salamoia", "Samba de osteria", "Un Rodolfo Valentino al bar", "Mama", ecc...
Nei primissimi anni '80, compone anche un Inno dedicato alla triestina... la mitica Triestina di De Falco e Ascagni, che nel 1982 compirà miracoli con il pallone.


Damiano Vitale, fu anche supporter di molte star della canzone italiana, in concerto a Trieste; artisti come Patty Pravo, Domenico Modugno, Tony Dallara, Riccardo Fogli, e tanti altri...
Oggi, a settant'anni compiuti, Vitale è ancora fedelmente sposato con la musica. Personaggio simpaticissimo, brioso ed assolutamente alla mano, con tutta l'umiltà dei più grandi, talvolta capita ancora nelle osterie, nelle sagre ed in varie feste triestine, soprattutto d'estate, continuando a portare alto il vessillo del nostro morbin più patoco!



Molte delle sue canzoni di trenta e passa anni fa restano attualissime ancor oggi, tanto che pure i giovanissimi delle nuove generazioni, stanno recentemente scoprendo e/o riscoprendo questo grande personaggio del folklore musicale e cabarettistico giuliano.

Qui di seguito, vi voglio proporre due videoslide musicali di Damiano Vitale.

La prima canzone s'intitola "Trieste in salamoia", arguta ironia sul disfacimento economico-cantieristico, ed in parte turistico di Trieste... ed è impressionante come, purtroppo, risulti tuttora fresca ed attualissima tale composizione: 



La seconda s'intitola "Samba de osteria", ed è un allegro e frizzantissimo pezzo, in salsa "latino-tergestina", dedicato da Vitale alle popolarissime osterie di Trieste, ed alla loro anima guascona:



Con questi video, ve lasso e ve dago apuntamento ala prossima, sempre de ste parti... me racomando mularia mata, tignì de ocio el blog, e deghe un cuc ogni tanto se gavè piazer.

A presto!


    René

18 commenti:

Anonimo ha detto...

iera ora che in rete qualchedun parli de Damiano Vitale
me par che Trieste lo ga un poco(o forsi tanto) messo in un canton
sbaglio?
ciao, e bravo!

René ha detto...

Sta cità la me sembra veramente "bela e avara", come diseva n'altro grande cantautor triestin (purtropo, non più fra noi), Bruno Tramontini.

"Avara", nel senso che la xè avara con squasi tuti i sui personagi migliori, anca in altri campi, no solo dela musica e del folklor nostran.

Per fortuna, Internet, in sto senso, el xè un strumento 'ssai utile per far riscoprir questi nostri mitici personagi patochi.

Grazie per la visita, un saludo!

Anonimo ha detto...

Damiano saria stà l'autor de "Finanziere". No savevo che el xe ancora vivo, saria curioso domandarghe. Iera altri "chansonneur" triestini che girava per le osterie, col tacuin per ciorse nota dei vitz e delle canzonette che componeva le varie clape de mularia. Da questo lavoro de tacuin e registrator, sembra che sia nata anche "Marisa".

René ha detto...

Grazie per il commento... la seconda parte è esatta, ma la prima è inesatta, a causa dell'assonanza di Damiano Vitale con Toni Damiani... quest'ultimo è l'autore, assieme a Pilat, di "Finanziere" o "El finanzier" (sul 45 giri originale e sull'Lp "Io, Trieste" di Pilat tutti e due del 1978, e negli anni '80 sulle audiocassette dei due cantautori, il titolo è "Finanziere"... mentre, perlomeno nella tracklist dei suoi cd, Pilat ha recentemente adottato il secondo nome in dialetto "El finanzier"... ma xe la stessa roba, no cambia 'ssai).

A ogni modo, dovemo senz'altro ringraziar Damiano, e tanti altri sui coleghi, anca no solo cantautori ma cabaretisti (me vien inamente Cecchelin, De Rosè, Cicillo e Carilli, e lo stesso Luciano Bronzi) per el lavoro de "pena e tacuin", che grazie a loro ancora ogi conossemo e cantemo ste bele canzoni, popolari e de folklor triestino, in general. Sopratuto quei dela mia generazion (son del '78), ma anca le generazioni più giovani che, altrimenti, no gavessi mai podù conosser e amar ste robe belissime!

Un saludo e grazie ancora

Anonimo ha detto...

mi son pien de cassette de damiano ma volesi veder qualche cd

Anonimo ha detto...

Te podessi scriver la discografia che te ga de Damiano? Anche mi go solo vecie MC ma mai visto LP o CD...Volessi saver quante e quali produzioni el ga esatamente fato a suo tempo. Grazie

René ha detto...

Sula discografia me informerò, perché me interessa anca mi.

Pena rivo compilar na discografia de Damiano Vitale el più possibile detagliada, prometo de publicarla qua. Anzi, nianca qua, ma magari in t'un novo post che colegherò a questo e ai comenti.

Grazie a lei, un saludo

Anonimo ha detto...

Magnifico, grazie e a risentirse alora. Un saludo a presto

Anonimo ha detto...

che bele serate che go passa' in gioventu', quando Damiano veniva su de mi con la chitara e quel strano strumento che el gaveva in boca e che el sufiava dentro, se fazevimo dele bele cantade. De la nostra compagnia ,no iera nissun intona' , ma con lui cantava tuti. cosa che volessi incontrarlo ancora in una de le tante osterie che frequentavimo ,per farse ancora dele bele ridade. un bason caro Damianooooo!!!!

paola rocco ha detto...

che piazer che gavessi de sentirlo ancora cantar dal vivo perche' el nastro che el me gaveva da' , a son de scoltarlo , lo go fruga'. chissa' se el se ricorda col veniva a casa mia e butavo su' una pastasuta e in compagnia cantavimo tutti come mati . volessi per favor , se possibile, saver se el sona ancora de qualche parte per vederlo e ricordar insieme i bei tempi de Trieste in salomoia.

paola rocco

René ha detto...

Gentile Paola Rocco, mi è capitato di rivedere Damiano Vitale un paio di mesi fa. Ne ho approfittato per domandargli anch'io se per caso vendeva ancora qualche cassettina. Damiano, con un'espressione abbastanza giù di corda, mi rispose: "No, me dispiasi. Oramai go molà tuto".

Spero tanto che sia solo un qualcosa di passeggero, perché se c'è una cosa che Damiano Vitale non ha mai abbandonato è proprio la Musica!
Di lui mi ricordo (fra i tantissimi ricordi) di una bellissima serata alla storica Sagra dela Sardela, anno 1988, tra il Magazzino Vini e l'ex Pescheria Centrale. Divertimento al 1000 per 1000, dall'inizio della sua esibizione fino alla fine.
Qualunque sia il motivo dell'abbattimento di Damiano, gli facciamo tanti cari auguri, sperando di rivederlo ancora a cantare e suonare da qualche parte.

P.s.: Forse l'avevo già scritto, ma noto con dispiacere di come le istituzioni locali si siano totalmente scordate di lui. Eppure, ai suoi tempi, era un numero 1 che faceva tutto esaurito persino in Australia, dove andò a cantare per i triestini emigrati lì.

Un saluto

alessandro virdis ha detto...

Lunica eredita' de mio nonno xe le cassette de canzoni triestine che scoltavimo e cantavimo sempre fra queste xe Damiano Vitale uno dei piu' grandi secondo mi con la compagna Ruttigliano. I dovessi far un cd andassi a ruba... Chi se ricorda de bussani

René ha detto...

Franco Bussani?

Me lo ricordo, ecome!!!

Go anca na cassetina (xe lu in copertina su na barca, de fronte al castel de Miramar). Anca lu 'ssai bravo. :)

Un saludo e grazie ancora dei comenti.

Anonimo ha detto...

cerco la canzone ''La Biancolina'' cantata da Maria Rutigliano inserita nella cassetta musicale '' Noi Muli de Contrada '' registrata con Damiano Vitale.

Stello Collini ha detto...

Cari Triestini, mi son parti' via de Trieste nel Marzo del1954 verso l'Australia, gavevo 16 anni. Ritornando nel 1969 attraverso un amico, go incontrado Damiano Vitale de qua in po se semo sempre visti ogni volta che tornavo a Trieste, semo andadi assieme a Auronzo, la sua seconda casa per cantar in compagnia.
Avendolo scoltado ben le sue canzonette, go deciso che el gaveria fatto una bella figura al Festival Italiano de Adelaide.
Dopo un poco de corrispondenza el ga acceta' e el se vegnu a star con noi per la durata del festival.
Credo che quell viaggio ghe se annda nei ossi, perche' qualche anno dopo al se torna' con Maria, stando con noi ad Adelaide e con tanti altri Triestini e amici in giro per l'Australia mantre la giravano cantando in tutti I club Triestini, Veneti e Furlani.
L'ultima volta che lo go incontra' iera nel marzo del 2013 e el stave abbastanza ben.
Adesso questa brutta notizia me ga lasa' senza parole.
NOI TRIESTINI D'AUSTRALIA, NON LO DIMENTICHEREMO MAI EL NE GA PORTA' INDRIO NELLA BELLA NOSTRA CITTA' CON LE SUE CANZONI E MAGNIFICHE BARZELETTE.

Anonimo ha detto...

Ciao Damiano.. la tua musica .. la tua inconfondibile ironia... e el tuo "morbin" resterà sempre con noi e nella storia della canzone Triestina. Massimo

Anonimo ha detto...

Ciao Damiano te cantera lassu con mio nonno come lui cantava con mi le tue canzoni e come mi canto con imiei fioi

Anonimo ha detto...

e stato un vero piacere di averti conoshiuto non ostante se annai breve con tutto IL nostro amore LA TEDESCA

Posta un commento

Accetto tutti i commenti di tutti i visitatori. Richiedo solo un po' di sana "etichetta": niente volgarità gratuite, niente insulti, niente polemiche e/o insulti a sfondo politico/religioso/razziale.
Inoltre, devo approvare i commenti prima della pubblicazione sul blog, solo per evitare spam e troll.
Infine, in questo blog non sono graditi commenti anonimi, provocatori oppure offensivi. Esiste la libertà di opinione e critica alle tesi espresse ma la si esercita firmandosi (va bene anche un nick) e, come già detto poc'anzi, con educazione.